giovedì, Febbraio 29, 2024

Numeri e trend dell’e-commerce in Italia e nel mondo

Richmond Italia ha analizzato le stime diffuse dal sito tedesco Statista riguardo ai trend dell’e-commerce in atto nel nostro nel paese e nel mondo e alle previsioni per i prossimi anni, che parlano di numeri in costante crescita nel canale.

Non intende rallentare la crescita del mercato dell’e-commerce tanto in Italia quanto a livello globale. Secondo le stime di Statista, sito web tedesco che rende disponibili dati raccolti da istituzioni che si occupano di ricerca di mercato e di opinioni, il 2023 dell’e-commerce si chiuderà con ricavi per quasi 4.000 miliardi di dollari, con un aumento del +10% rispetto alle cifre del 2022 e del 2021, anni in cui le limitazioni agli spostamenti imposte durante la pandemia contribuirono non poco alla crescita delle vendite online. Una crescita che non si fermerà nemmeno nei prossimi anni fino ad arrivare a superare i 5.000 miliardi e mezzo di dollari nel 2027 con un tasso composto di crescita annuale del 11,17%.

A fare da traino al settore con ricavi da oltre 1.000 miliardi nel 2023 è la Cina. Va forte anche l’Italia con un tasso composto di crescita annuale tra il 2023 e il 2027 del 11,59%, addirittura superiore alla crescita globale. Il nostro paese è destinato a chiudere il 2023 con ricavi per quasi 48 miliardi di dollari per arrivare a sfiorare i 74 nel 2027. Anche quando si parla di user penetration, vale a dire la percentuale della popolazione che effettua acquisti online, l’Italia viaggia a buoni ritmi e dovrebbe passare dal 68,2% del 2023 al 72,4% del 2027 una cifra superiore sia alla media europea (69,5%) sia a quella globale (66,6%). Una crescita importante anche se ancora non arriva ai livelli di quella spagnola, che passa dal 71,2% ad addirittura l’84,8%, restando dietro in percentuale anche a Francia (da 78,8% a 80,7%), Germania (da 81,5% a 83,9%) e Regno Unito (da 83,1% a 86,3%).

L’occasione per analizzare il settore è stata offerta dal Richmond E-commerce forum che si è recentemente tenuto a Rimini organizzato da Richmond Italia, azienda specializzata nell’organizzazione di eventi e forum B2B. Un evento rivolto ai professionisti del commercio elettronico in Italia per far incontrare domanda e offerta, portare nuove idee, soluzioni e innovazione in un settore che vede diventare le richieste dei consumatori sempre più esigenti.

“Abbiamo creato questo forum perché crediamo molto alla crescita del mercato e-commerce in Italia – spiega Claudio Honegger, amministratore unico di Richmond Italia -. Da una parte abbiamo manager in rappresentanza di aziende assetate di soluzioni, che sanno di trovare idee, tecnologie e fornitori in grado di accompagnarli nel processo. Dall’altra abbiamo fornitori preparati, motivati ed estremamente focalizzati sul risultato”.

“Il settore ha raggiunto numeri importanti ma occorre registrare un andamento non lineare – ha sottolineato Carla Parisi, direttore commerciale di Richmond Italia –. Nel corso dell’ultimo anno abbiamo assistito a una crescita significativa della domanda, che ha aperto nuovi spazi a livello internazionale e in alcune nicchie strategiche per il made in Italy come fashion, luxury, food e design. Allo stesso tempo si fanno sentire gli effetti negativi dell’inflazione e la marcata fluttuazione dei consumi. Questo avviene in un momento delicato, in cui merchant e brand sono chiamati a effettuare investimenti aggiuntivi per potenziare i canali di vendita e sviluppare servizi personalizzati”.

Ecco i 5 trend dell’e-commerce per il 2024 emersi dal Richmond E-commerce forum:

1. Servizi sempre più personalizzati

Negli anni post Covid si sta scoprendo che l’efficacia di un servizio di e-commerce dipende dalla coerenza e dall’armonia fra tutte le sue componenti. Questo spiega perché siti all’apparenza simili ottengono risultati finanziari che possono variare notevolmente. A fare la differenza sono dunque le tecnologie e i servizi che stanno dietro a un sito di vendita online e che diventano fondamentali per raggiungere la redditività.

2. Intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale comincia a penetrare nelle fasi di progettazione e poi di offerta dei merchant. Nel 2024 è previsto uno scenario ancora più impattante per le conseguenze di pervasività dell’Ai e dei suoi innumerevoli strumenti. Un esempio? Chatbot pronti a rispondere ai dubbi degli acquirenti 24 ore su 24.

3. Realtà aumentata

Insieme all’intelligenza artificiale si sta sviluppando la realtà aumentata. Questa tecnologia permette di vincere lo scetticismo che si ha nel comprare un oggetto senza vederlo di persona. L’ambiente virtuale può offrire un’esperienza simile a quella di un negozio reale, per questo ci si aspetta un aumento delle risorse legate alla realtà aumentata.

4. Shopping vocale

La diffusione sempre maggiore di assistenti vocali ha inevitabilmente coinvolto anche il mondo dell’e-commerce. Fare acquisti attraverso un semplice comando vocale può risultare quanto mai comodo, per questo molti negozi si stanno impegnando a implementare la tecnologia di riconoscimento vocale.

5. Social commerce

Utilizzare i social network per vendere online sta diventando sempre più comune tanto che il mercato del social commerce nel 2027 dovrebbe arrivare a quasi 3.000 miliardi di dollari per poi più che raddoppiare nel 2030. Se prima sui social comparivano link che rimandavano a negozi online, ora si può acquistare direttamente con un click semplificando la transazione.





            

      Articoli correlati

      - Sponsor -
      - Sponsor -
      - Sponsor -
      - Sponsor -