Il 6 maggio debutta Zoomark 2019

0

Il 6 maggio aprirà i battenti l’edizione 2019 di Zoomark International, la biennale dedicata al mercato del pet di BolognaFiere.

Gli espositori di questa 18esima edizione saranno 757 provenienti da 45 Paesi, 6 sono le collettive nazionali, a evidenziare la crescente internazionalizzazione della manifestazione. Novità di questa edizione, nata dalla collaborazione con le differenti associazioni e con i coordinatori delle collettive estere, l’organizzazione di Focus di approfondimento sui mercati e sulle opportunità di business per Usa, Canada, Russia, Regno Unito, Cina, India e Repubblica Ceca.

Zoomark International 2019 – ha spiegato Antonio Bruzzone, direttore generale di BolognaFiere – si svilupperà su una superficie espositiva di 55.000 mq, con un incremento di oltre il 10% rispetto all’edizione 2017. La manifestazione coinvolgerà i padiglioni 25, 26 e i nuovissimi padiglioni 28, 29 e 30, inaugurati nell’autunno 2018. Gli espositori saranno oltre 757, un numero che ci consentirà di superare il record di aziende presenti conseguito nell’ultima edizione. Circa il 70% delle aziende espositrici proviene dall’estero, per la precisione da 45 Paesi. Riscontriamo una significativa presenza di aziende dalla Cina seguita da una nutrita rappresentanza di aziende provenienti dalla Gran Bretagna, in forte crescita nonostante le incertezze per il futuro derivante dalla Brexit. Crescono poi sostanzialmente anche gli espositori in arrivo dalla Turchia e dai Paesi dell’Est Europa. Fra le new entry ricordiamo la Bielorussia, la Grecia, la Malesia, la Serbia e la Slovacchia”.

Un trend positivo, che testimonia il buono stato di salute del pet in Italia: “Anche per il 2018 è proseguito il trend positivo del mercato – conferma Gianmarco Ferrari, presidente di Assalco che il 6 maggio presenterà i dati aggiornati del Rapporto Assalco-Zoomark -. Il segmento principale, quello dei prodotti per l’alimentazione di cani e gatti, ha sviluppato in Italia un giro d’affari superiore ai 2 miliardi di euro con un incremento del fatturato del +1,5% rispetto allo scorso anno e con un tasso di sviluppo superiore a quello del largo consumo confezionato, che nel 2018 è stato pari a +0,1%. Il segmento degli alimenti per gatto, composto da prodotti secchi, umidi e snack, rappresenta il 52,3% del totale mercato e vale 1.089 milioni di euro, mentre quelli per cane valgono quasi 993 milioni di euro. Dando uno sguardo al carrello, notiamo che il consumatore si orienta sempre più verso prodotti premium e formati più piccoli. In GDO, gli accessori primari per la cura e la gestione quotidiana (quali prodotti per l’igiene, giochi, guinzagli, cucce, voliere, acquari), muovono un volume di affari di 71,3 milioni di euro.”

Zoomark 2019: gli eventi in programma

Iniziativa speciale di Zoomark 2019 sarà Aqua Project che, dopo il successo della prima edizione del 2017, torna con un progetto studiato per dare ancor più rilievo all’industria del settore acquariofilo e coinvolgere direttamente le aziende del comparto.

Gli “Eventi” di Zoomark sono riuniti in un programma molto più ricco e articolato delle edizioni precedenti: oltre al Convegno inaugurale dedicato alla presentazione del Rapporto Assalco-Zoomark fra gli eventi da segnalare ricordiamo i convegni “L’uso di piante e preparati vegetali per il benessere animale” e “Comportamento animale: un’area strategica per il pet shop di successo” che attirerà l’attenzione sulle caratteristiche necessarie per un progetto di negozio al passo coi tempi, in un momento in cui anche la distribuzione legata al mondo “pet” è fortemente orientata al commercio online.

www.zoomark.it

Scrivi un commento

Lascia il tuo commento!
Scrivi il tuo nome