La internazionalizzazione dell’e-commerce

0
internazionalizzazione dell’e-commerce

a cura di Alessandro Samà, e-commerce manager BricoBravo.com

La internazionalizzazione dell’e-commerce è una decisione che deve essere ben ponderata e può essere presa in considerazione solo avendo alle spalle un e-commerce già ben strutturato in Italia, con indici di performance positivi e una rete efficiente in termini di logistica, feedback e assistenza.

La internazionalizzazione dell’e-commerce: considerazioni preventive

Il mio consiglio è quello di effettuare innanzitutto un’analisi approfondita del mercato in cui si vuole entrare e fare dei test di fattibilità, come se si dovesse ripartire da zero.

Se da un lato molti aspetti strutturali dell’e-commerce già implementato in Italia sono facilmente estendibili a nuovi mercati, dall’altro ci sono molteplici variabili, anche meramente qualitative, che possono creare un ostacolo inaspettato al conseguimento di risultati.

Per aprirsi a nuovi mercati credo sia fondamentale che l’azienda sia in primis orientata al cambiamento e che abbia risorse con competenze adatte alla gestione di tutti i processi. In secondo luogo è fondamentale avere un budget iniziale d’investimento di gran lunga più elevato rispetto al fatturato atteso, almeno per il breve/medio termine.

Nonostante il modello messo a punto per l’Italia sia una macchina solida e performante, la sfida di aprirsi a nuovi mercati è sempre molto alta.

Ogni passo deve essere ben studiato soprattutto in considerazione del fatto che, rispetto all’Italia, gli utenti sono più esperti e le pretese sono molto più alte. Anche la user experience del sito, ad esempio, deve essere rivista per implementare tutti gli accorgimenti e dare un’esperienza utente agevole.

Come organizzare un e-commerce internazionale

Dal punto di vista organizzativo, un e-commerce internazionale ha implicazioni su tutti i centri operativi nevralgici dell’azienda, dai livelli gestionali, legali a quelli strettamente operativi e interessa le aree più disparate. – Logistica: prevedere la possibilità di gestire dogane e supportare l’integrazione con corrieri e livelli di servizio diversi (access point, home delivery, reso gratuito con etichetta prestampata ecc.).

– Amministrazione e contabilità: definire la rendicontazione e liquidazione dell’IVA su vendita B2C per i paesi dell’Unione Europea e non.

– Gestione dei pagamenti: fornire agli utenti la possibilità di acquistare in modo sicuro con i metodi di pagamento più comuni nei mercati di riferimento.

– Customer care: gestire il dialogo con i clienti stranieri nella lingua da loro utilizzata e negli orari a loro più congeniali.

– Data entry: prevedere che tutto il catalogo sia tradotto in lingua, con il linguaggio corretto.

– Content strategy: prevedere se e quali contenuti sul sito o sui social dovranno essere modificati o geolocalizzati.

– Digital marketing: pianificare una strategia internazionale per definire i budget da investire, le revenue attese, i fornitori locali o il partner per la gestione delle campagne ecc.

– Grafica: definire la produzione di grafiche, banner, adattamento dei contenuti in lingua, ordinamento delle pagine di categoria ecc.

Per concludere, credo che l’Italia abbia ampi margini di crescita ma all’estero i mercati sono già formati e di dimensioni enormi per cui l’internazionalizzazione diventa fondamentale. In Francia e Germania, ad esempio, l’incidenza degli acquisti online arriva al 14% e addirittura in Inghilterra raggiunge il 18%, ben 3 volte rispetto a quanto accade in Italia. L’internazionalizzazione prevede un processo burocratico lento, dalle leggi fiscali alle infrastrutture della logistica e dei trasporti: in Italia siamo molto indietro ma chiudere le aspettative di vendita all’interno dei confini italiani credo sia un grande spreco!

www.bricobravo.com

Scrivi un commento

Lascia il tuo commento!
Scrivi il tuo nome