Rain ha vinto un finanziamento europeo di 2 milioni

0
Rain ha vinto un finanziamento europeo

Rain ha vinto un finanziamento europeo lo scorso marzo, nell’ambito dei finanziamenti a fondo perduto della Fase 2 dello Sme Instrument, lo strumento di supporto finanziario a progetti di innovazione nell’ambito del Programma Horizon 2020 della Commissione Europea. Tra le 68 beneficiarie, solo 2 erano italiane e il progetto di innovazione che ha ricevuto il maggior punteggio (su 1.850 proposte presentate a livello europeo) è stato appunto quello dell’italiana Rain, nota azienda di Cerro Maggiore (MI) specializzata nell’irrigazione.

Il progetto grazie a cui Rain ha vinto un finanziamento europeo

Il progetto Rainolve è stato sviluppato e brevettato da Anna, Alberto e Matteo Stiatti, fratelli e soci in Rain, in collaborazione con InolveNewtech, azienda spagnola specializzata nello sviluppo di software per il controllo intelligente degli impianti d’irrigazione. L’innovazione è nel software guidato dall’intelligenza artificiale e da un algoritmo in grado di controllare l’irrigazione, la luce, la temperatura e l’umidità dei terreni. Un sistema unico, capace di fornire e abbinare la giusta quantità d’acqua al tipo di coltivazione presente in campo, garantendo, al contempo, salute e produttività delle piante. E assicurando un risparmio idrico dell’80% e del 40% dei fertilizzanti.

La collaborazione con una start up digitale è stata fondamentale per l’aggiudicazione del bando, che ha premiato le unioni tra giovani start up innovative e consolidate ed esperte aziende produttive. Rain si è così aggiudicata un finanziamento di circa 2 milioni di euro a fondo perduto per sviluppare commercialmente il progetto Rainolve che, secondo gli esperti Ue che hanno esaminato le varie pratiche, “dimostra un elevato potenziale in termini di competitività e di crescita, anche grazie a un business plan strategico e dettagliato”.

Rain guarda al futuro

“Finalmente – ha dichiarato Anna Stiatti, presidente di Rain – possiamo eseguire le ultime verifiche tecniche e sviluppare commercialmente Rainolve al quale stiamo lavorando dal 2012 in partnership con InolveNewtech. È uno strumento che avrà impatto in termini non solo ambientali, ma anche economici e prevediamo entro un paio d’anni di incrementare il nostro organico”.

I fondi Ue serviranno a ingegnerizzare e sviluppare commercialmente il prodotto, già presente sul mercato e in grado di conquistare commesse in Italia e non solo. Per esempio a Dubai, dove da qualche mese un tratto del lungomare è annaffiato proprio con questo sistema.

In questo video l’intervista realizzata da Confindustria Alto Milanese ai fratelli Stiatti in occasione di questo riconoscimento.

www.rain.it

Scrivi un commento

Lascia il tuo commento!
Scrivi il tuo nome