Detergenza e Covid-19: che cosa è cambiato?

0
Detergenza e Covid-19

Gli acquisti di prodotti per la detergenza della casa nel periodo pre Covid (30 dicembre 2019-16 febbraio 2020) segnavano un +1,3%; nel periodo post Covid (dati aggiornati al 17 maggio 2020) sono cresciuti del +17,8% a valore. Lo spiega una ricerca di Nielsen, dedicata al rapporto tra i consumi di detergenza e Covid-19, presentata l’8 giugno da Federchimica Assocasa (Associazione Nazionale detergenti e specialità per l’industria e per la casa). Uno studio che dimostra un drastico cambiamento delle abitudini di acquisto: meno frequenti, con scontrini medi più alti e meno femminili.

Naturalmente i limiti di spostamento imposti dall’emergenza sanitaria hanno premiato l’acquisto di prossimità, agevolando una sensibile crescita di supermercati e libero servizio e una dinamica positiva dei drugstore specializzati. Il 21% degli italiani ha cambiato negozio durante l’emergenza e di questi il 64% lo ha scelto sulla base della vicinanza a casa.

Detergenza e Covid-19: calano le vendite di antiparassitari per la casa

Nel periodo pre Covid il libero servizio segnava -4,8%, mentre in quello post Covid vola a +36,3%, seguito dai super (+29,2%), discount (+15,2%), specialisti drug (+10,3%) e infine iper (+2,7%).

Dopo ovviamente ai disinfettanti, crescono le vendite di candeggine (+53,3% pari a 18 milioni di euro) e detergenti per superfici dure (+37,9%); diminuiscono invece le vendite di antiparassitari e disinfestanti (-1,5%) a causa del calo dell’attività all’aperto.

“Con l’emergenza Covid-19 che ha costretto tra le mura domestiche milioni di italiani, i consumi di alcuni prodotti, tra cui quelli per la pulizia della casa, sono aumentati considerevolmente – ha spiegato Giorgio Dal Prato, presidente di Assocasa -. A guidare la domanda sono ora temi quali igiene e disinfezione. Questa crescita inaspettata ha costretto distribuzione e industria a lavorare a ritmo serrato e tutti ci siamo impegnati per garantire continuità, con grande senso di responsabilità e massima tutela per lavorare in sicurezza”.

www.assocasa.federchimica.it

Scrivi un commento

Lascia il tuo commento!
Scrivi il tuo nome