Agrieuro Italia costituisce la società Agrieuro Shanghai

0
Agrieuro Shanghai
Ufficio import di Agrieuro

Agrieuro Italia ha costituito la nuova società Agrieuro Shanghai, a fronte della centralità del mercato cinese e della vocazione internazionale dell’azienda. Agrieuro infatti è il principale operatore in Europa nella vendita e-commerce di attrezzature per giardinaggio, agricoltura e cucina, con una gamma di circa 8.000 modelli di macchine, tutte in pronta consegna e con spedizione gratuita a domicilio.

Dal 2012 Agrieuro è attiva sul mercato internazionale sia in termini di vendita diretta al cliente finale – in Germania, Francia, Spagna e Inghilterra – sia a livello di acquisto di macchinari con una dimensione in questo caso ancora più globale che ha permesso oggi di costruire un catalogo di oltre 8.000 prodotti in pronta consegna.

Attualmente, il peso relativo agli acquisti di merci dedicate al giardinaggio, all’agricoltura e al fai da te – settore in cui Agrieuro si impone oggi come e-commerce leader di mercato a livello europeo – è rappresentato per la grande maggioranza da un’importazione di prodotti europei e soprattutto made in Italy, che costituisce oggi circa i due terzi del business. Parallelamente, un ruolo strategico è rivestito anche da tutte le operazioni di importazione dalla Cina che oggigiorno pesano circa un terzo sul totale degli acquisti dei prodotti venduti da Agrieuro.

Agrieuro Shanghai
La sede di Agrieuro Shanghai

Proprio in virtù del ruolo rappresentato dal mercato cinese e in risposta alla necessità della società di costruire una struttura sempre più internazionale, la direzione di Agrieuro ha preso la decisione di fondare una società di proprietà in Cina: Agrieuro Shanghai.

Agrieuro Shanghai nasce ufficialmente ad ottobre 2021 ma è in questi ultimi mesi che l’azienda ha messo in atto una serie di attività utili all’avviamento della nuova società e delle operazioni di import che verranno supportate da un proprio ufficio operativo in Cina. L’obiettivo primario perseguito da Agrieuro Italia attraverso la costituzione della nuova società è quello di costruire un rapporto sempre più diretto con i fornitori cinesi, ottenendo così maggiore facilità nell’attuazione degli accordi commerciali, delle forniture, della gestione dei problemi e delle assistenze.

L’attivazione di questa società significherà per Agrieuro:

• Progressiva internalizzazione delle trattative con i fornitori cinesi;

• Gestione più diretta della filiera volta a ottimizzare le operazioni di modifica e personalizzazione dei prodotti sulla base delle esigenze del mercato europeo e, soprattutto, sulla base delle normative di sicurezza CE;

• Graduale internalizzazione delle procedure di controllo qualità e produzione legate all’acquisto;

• Coordinamento delle attività logistiche direttamente sul territorio cinese;

• Follow-up di tutte le attività di import ed export con specifici flussi.

“Si tratta di un progetto importantissimo per la società che vedrà uno sviluppo graduale – afferma Roberta Francini, import department manager -. In questa fase il nostro obiettivo è quello di settare i processi e organizzare i flussi operativi, anche dal punto di vista dei sistemi gestionali che andremo ad utilizzare per attivare le diverse procedure e rendere così la società Agrieuro Shanghai di fatto autonoma. Al momento siamo impegnati anche sul fronte di ricerca del personale da inserire per poter essere supportati da un’operatività altamente qualificata che lavorerà direttamente da Shanghai e che ci fornirà quotidianamente feedback. Una volta che avremo ultimato di settare il processo, individuato le figure corrette e partiti con la prima operatività, cominceremo a lavorare in autonomia sul mercato Cina”.

“Sul territorio cinese ovviamente Agrieuro continuerà ad andare parallelamente anche in out sourcing, ma l’obiettivo primario è quello di gestire le operazioni più significative internamente, ottenendo così anche un controllo più stringente su tutta la filiera – aggiunge Filippo Settimi, amministratore di Agrieuro -. Agrieuro Shanghai fungerà da ponte con la Cina, da snodo di tutte le comunicazioni, informazioni, operazioni di verifica e ricerche di mercato – tutte quelle attività che prevedono una necessaria presenza sul territorio. Stiamo lavorando a questo progetto per poter avere un accesso sempre più immediato alle novità di mercato. I nostri fornitori principali rimangono ovviamente i paesi europei e la stessa Italia che hanno da sempre contraddistinto l’altissima qualità dei prodotti da noi rivenduti. Allo stesso tempo, riconosciamo il ruolo chiave assunto dalla Cina nella fabbricazione dei prodotti di settore e siamo sicuri che la nuova società con sede a Shanghai sarà di grande supporto al nostro ufficio import e, in generale, al nostro business”.

www.agrieuro.com

Condividi:

Scrivi un commento

Lascia il tuo commento!
Scrivi il tuo nome